logo sisv

login

nome

password

Half-Earth Day 2018

22 ott 2018

Half-Earth Day 2018

22 Ottobre 2018 - ore 15:00

Aula Magna del Dipartimento di Chimica “Giacomo Ciamician” Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
Via Selmi 2, Bologna

Metà del Pianeta

La salvaguardia della biodiversità è una delle grandi sfide che l’umanità si troverà a fronteggiare nei prossimi decenni, con gli scienziati che stanno dimostrando come le strategie attuali non siano sufficienti e serva un cambio di paradigma. Da qui alla fine del secolo le perdite di biodiversità saranno enormi, con stime che arrivano a prevedere la scomparsa del 50% delle specie che attualmente abitano il Pianeta.

Per affrontare questo scenario, Edward O. Wilson, scienziato famoso per i suoi studi sulla biodiversità e sulla sociobiologia, ha lanciato la proposta dirompente di Half-Earth, “Metà del Pianeta”. La proposta di Wilson, fondata su solide teorie scientifiche, dice che se vogliamo salvare la vita per come l’abbiamo conosciuta, e garantire un futuro ad almeno l’85% delle specie viventi, l’Umanità deve rinunciare a metà del pianeta.

Un nuovo patto tra uomo e natura, a tutela della persistenza della vita sul Pianeta: “metà della Terra agli umani e metà della Terra al resto della vita, è la proposta di Wilson. Tale patto garantirebbe la sopravvivenza di gran parte della biodiversità sul Pianeta, ma le sue implicazioni sociali, politiche ed economiche ne rendono difficile l’applicazione. Senza soluzioni simili, a fine secolo il Pianeta non sarà più quello che questa generazione ha conosciuto, e avrà perso una parte consistente della propria biodiversità.

La proposta di Wilson, utopistica in qualche misura, sta trovando spazio discussione in alcune aree culturali illuminate, ma è un concetto ancora quasi sconosciuto in Italia. Con questo incontro si inizia a discutere di Half-Earthanche nel nostro paese, per costruire un ragionamento critico su tale paradigma, quasi utopistico. Si tratta, in sostanza, di ripensare l’uso del territorio lasciando spazio adeguato alla Natura, come elemento di quel patto intergenerazionale necessario per lo sviluppo sostenibile. Oltre a conservare la biodiversità, questa spazio contribuirà a mitigare i cambiamenti climatici e fornire preziosi servizi ecologici.

Si discuterà della possibile applicazione del concetto di “Metà del Pianeta” in una tavola rotonda organizzata all’Alma Mater StudiorumUniversità di Bologna, alla quale interverranno personalità del mondo della ricerca scientifica, della gestione delle risorse naturali e della comunicazione.

Tavola Rotonda

15:00 – Prof. Dario Braga(Direttore Istituto Studi Avanzati, Alma Mater Studiorum): Benvenuto ai partecipanti e apertura dei lavori

15:10 Gen. Antonio Ricciardi C.te Carabinieri Forestali 15:20 – Tavola Rotonda con la partecipazione di:
Gli aspetti scientifici:

Prof. Alberto Basset(Università del Salento) Prof Laura Airoldi(Alma Mater Studiorum)
Prof. Carlo Rondinini(Università La Sapienza) Prof. Barbara Mantovani(Alma Mater Studiorum) Prof. Gianluca Piovesan (Università della Tuscia)

Gli aspetti applicativi:

Dr. Giampiero Sammuri(Presidente Federparchi)
Gen. Davide De Laurentis Carabinieri Forestali
Dr. Piero Genovesi(Istituto Superiore Per la Ricerca Ambientale) Prof. Alessandra Bonoli(Alma Mater Studiorum)
Prof. Angelo Paletta (Alma Mater Studiorum)

17:30 – Prof Alessandro Chiarucci(Alma Mater Studiorum): Perché metà della Terra– Sintesi e conclusioni

Durante l’incontro è previsto un viaggio virtuale nell’Italia selvaggia attraverso le immagini di Bruno D’Amicis, fotografo di natura professionista